Come il vino italiano diventa internazionale

Umani Ronchi

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta l’articolo”]

A quasi un mese dall’avvio della 51° edizione del Vinitaly, Gambero Rosso celebra la kermesse veronese che ha raggiunto l’olimpo delle manifestazioni enoiche europee (al pari di ProWein e VinExpo di Bordeaux), e intervista i produttori che hanno creduto nel Vinitaly sin dalla sua nascita, come vetrina importante per lo sviluppo commerciale della propria azienda. 

Michele Bernetti parla dell’importanza del Vinitaly per Umani Ronchi, tra cambiamenti e progetti per il futuro: “Ancora oggi per noi Vinitaly rappresenta il momento in cui incontriamo i nostri collaboratori che provengono da oltre 60 Paesi. A Verona abbiamo costruito importanti rapporti di lavoro, collaborazioni, amicizie, abbiamo vissuto rotture e scontri. E’ uno degli appuntamenti più importanti dell’anno, ormai da cinquant’anni.” Prosegue raccontando come la fiera sia cresciuta nel tempo, insieme al numero degli espositori e a quello dei visitatori di tutto il mondo. E di come la sua anima professionale, insieme a quella più ludica, abbia rappresentato un punto di forza ulteriore, perchè sostenere e informare gli enoappassionati aiuta a creare cultura e conoscenza attorno al vino e facilita le scelte dei consumatori finali. In chiusura, anticipa le novità 2017 di Umani Ronchi: un Pecorino in legno grande e la nuova immagine dello storico Pelago. Entrambe saranno presentate in occasione del Vinitaly!