Ana Roš. Miglior Chef Femminile al Mondo 2017

[responsivevoice_button voice=”Italian Female” buttontext=”Ascolta l’articolo”]

Cucinare non era il percorso predestinato per Ana Ros – soprattutto non agli occhi di suo padre, un medico, e sua madre, un giornalista. Il suo lavoro e gli studi hanno avuto una fine improvvisa quando ha incontrato il suo futuro marito Valter e ha deciso di prendere in consegna il ristorante dei suoi genitori nella Valle dell’Isonzo in Slovenia.

Ha iniziato senza formazione culinaria, nessuna esperienza nella gestione di un ristorante e nessuna reale desiderio di rinunciare al suo ambizioso piano di carriera in ambito diplomatico. Quasi 20 anni dopo, ha messo il suo paese sulla mappa gastronomica, è stata protagonista in un episodio Netflix a lei dedicato di “Chef’s Table” ed è stata eletta dai suoi pari MIGLIOR DONNA CHEF al mondo.

Che Ana Roš non sia nata con un particolare desiderio o passione per la cucina non è mai stato un grosso problema. Lei eccelle in tutto quello che fa – dalle lingue, ne parla cinque, allo sport, ha sciato per la nazionale jugoslava fino all’età di 18 anni. In campo accademico ha una laurea in scienze internazionali e diplomatiche. Ha portato un ristorante locale come l’Hiša Franko in un posto che raccoglie l’attenzione internazionale – ma non è stato senza sfide.

Dopo aver ottenuto l’indipendenza solo nel 1991, la Slovenia non era un focolaio di creatività. Svegliarsi dopo decenni di relativo isolamento del comunismo, ha guadagnato la libertà di reimmaginare la cucina locale. Il cambiamento è avvenuto grazie alla curiosità di Ana Roš e il desiderio di giocare con i prodotti della regione.

Roš ha avuto la sua illuminazione quando vide un contadino nutrire maiali e cinghiali con il sunchoke. Probabilmente questa parola non vi dice molto ma se lo chiamiamo con altro nome tipo Topinambur si apre un mondo, sicuramente uno dei tuberi dell’anno. Ha deciso di creare piatti con il sunchokes e presto molti hanno seguito il suo esempio. La sua curiosità ha suscitato quella degli abitanti del luogo, che hanno rivolto la loro attenzione ai prodotti precedentemente ignorati e incompresi.

Roš portato questi ingredienti nel ristorante, adottando un approccio “a chilometro zero” e la costruzione di una catena alimentare di circa 60 persone, che a loro volta aiutano la comunità a ristabilire le tradizioni perdute. Ha iniziato ad applicare e combinare gli ingredienti, creando bellissimi piatti come la trota e il suo fegato con asparagi bianchi e pompelmo rosa, mentre Valter, che funge anche da sommelier, ha iniziato la stagionatura dei formaggi di Tolmin nella loro cantina.

Anche se non ci sono stelle Michelin in Slovenia e il paese è un po ‘oscurato dai successi culinari dei suoi vicini – l’Italia e l’Austria, in particolare – Roš ha spinto Hiša Franko sulla scena gastronomica mondiale ed ha guadagnato il suo posto tra i migliori cuochi del mondo. L’accogliente ristorante di famiglia, che si trova in un ambiente rurale idilliaco, affacciato sul lussureggiante Valle dell’Isonzo la stessa, ora attira clienti da tutto il mondo per assaggiare i menu unici da cinque o nove portate di degustazione.

Segue le orme di Dominique Crenn, Hélène Darroze e Anne-Sophie Pic come Best Female Chef del mondo e dice che userà il premio per cambiare la percezione della cucina nel suo piccolo paese. Noi non abbiamo dubbi che avrà successo.