20 Aprile 2024

La Grande Cucina

News dal mondo della cucina, le storie, gli Chef.

Morsi e Rimorsi di Gianfranco Iervolino

Morsi e Rimorsi Aversa – Sabato scorso ho avuto l’onore di pranzare dal grande Gianfranco Iervolino. Devo dire sono rimasto veramente colpito sia dal locale che dal servizio ma soprattutto dal cibo, preparato con grande maestria dal maestro e da i suoi capaci collaboratori.

Interni moderni con qualche idea molto carina, tipo l’altalena a capo tavola, una chicca per quei bambini che si vogliono divertire mentre mangiano. Senza esagerare però perché c’è il rischio di scaraventare tutto a terra per la gioia dei genitori e camerieri.

Il maestro Iervolino al lavoro


Veniamo al cibo. Abbiamo aperto le danze con il CROCCHÈ DEL MAESTRO IERVOLINO con patata violetta su fonduta di Provolone del Monaco DOP al profumo di fungo porcino. Continuato con una FRITTATINA ‘E PASTA con bucatini, besciamella, Parmigiano Reggiano stagionato, pepe, mozzarella, carne tritata e piselli. GNOCCHI FRITTI RIPIENI ALLA PROVOLA serviti su stracotto di pomodoro, parmigiano e basilico fritto.  LA PIZZA FRITTA TIPICA NAPOLETANA, ripieno con fior di latte di Agerola, ricotta di bufala, cicoli freschi, Grana Padano DOP, pepe, basilico fresco e per noi una spruzzata di passata di pomodoro, uno spettacolo dal sapore paradisiaco. Devo dire che tutto il fritto sembrava al forno non si ungeva nemmeno il tovagliolo dove erano adagiati. Il capolavoro finale La Margherita del Vesuvio, Pomodorino del piennolo del Vesuvio, Bufala DOP, Grana Padano DOP, basilico fresco un vero affresco di bontà dalla pasta agli ingredienti.

Qualche piccolo dubbio sugli esterni alquanto spogli mentre il parcheggio sembrava esserci ma tutti parcheggiano sul marciapiedi di fronte al locale.
Una nota scherzosa O Sfilatino “Ischia” con pomodorino del piennolo del “Vesuvio”, Tonno di “Cetara” di acquapazza gourmet, provola di “Agerola”, paté di olive nere di “Gaeta” …… io avrei aggiunto “l’aria e o’ sole di Ischia”


In visita anche il grande Nello Calise del ristorante Il Limoneto di Forio (oggi da Ciccio sempre a Forio) sempre pittoresco come è nel suo stile.